Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

IC Papa Giovanni XXIII

IC Papa Giovanni XXIII

Imparo e mi diverto

Scuola Media Marconi? Un magnifico ottetto!

La comunità saviglianese può davvero vantare la presenza di giovani “campioni” in sfide matematiche! Alla Scuola Media Marconi ben 8 alunni hanno avuto il merito di qualificarsi per la finale nazionale dei Giochi matematici che si terrà a settembre 2021 online. Rolfo Alice (1^A), Sismondi Gabriele (2^D), Lanfranco Paolo (2^A), Panero Sara (2^B), Piumatti Giulia (1^C), Chiavassa Elia (1^C), Garaventa Beatrice (1^A) e Giacosa Samuele (1^A) sono i ragazzi che, affrontando i vari quesiti proposti, hanno messo in campo “logica, intuizione e fantasia”, come recita lo slogan del centro PRISTEM che tutti gli anni cura di organizzare le gare in collaborazione con l’Università Bocconi di Milano.

I “Campionati Internazionali di Giochi matematici” sono una gara articolata, nella fase nazionale, in tre momenti: quarti di finale, semifinali, finale nazionale; si conclude con la finale Internazionale, in Svizzera. I nostri ragazzi hanno partecipato numerosi; in 8 hanno superato brillantemente i primi due step e adesso sono pronti per affrontarne l’ultimo, con la stessa grinta, determinazione e creatività con cui hanno accolto la proposta di parteciparvi.

Beatrice, una dei finalisti, narra la girandola caleidoscopica delle emozioni provate: “Battiti del cuore. Paura del tempo a disposizione: basterà? Concentrazione e desiderio di riuscire…Poi la mail, l’ennesima, e la scoperta di avere superato la prima tappa! Gioia e fiducia. Desiderio di mettere alla prova le mie abilità con la logica e il calcolo nella prova successiva. Provate anche voi- raccomanda concludendo- a divertirvi con la Matematica!”

Proprio queste le finalità dei Giochi matematici: divertirsi e scoprire nella Matematica aspetti curiosi ed accattivanti; mettersi in gioco ed esercitare fantasia e creatività; provare ad affrontare le sfide modulando l’altalena delle emozioni; manipolare le conoscenze possedute per risolvere situazioni problematiche nuove.

Quest’anno la qualificazione assume un significato ancora più alto e rappresenta per tutti un valore aggiunto. Il distanziamento fisico a causa della pandemia, la ridotta socialità, l’incertezza contingente e la fatica della DAD hanno messo a dura prova emozioni e vivere quotidiano. Ma non ha fortunatamente mortificato l’entusiasmo e la voglia di provare di molti studenti. 

Cari ragazzi, tifiamo per voi e per la vostra personale soddisfazione! Comunque vada, e al di là di ogni campanilismo o senso di esclusività, siete orgoglio e vanto della nostra Scuola. Perché (ne siamo consapevoli e oltremodo convinti) la sfida più autentica ed entusiasmante non è tanto superare gli altri, ma se stessi…

In questo voi avete già vinto!