Ultima modifica: 9 Febbraio 2020

Erasmus in The UK

L’esperienza Erasmus+ in UK

Dal 25 gennaio al primo febbraio , la professoressa Maria Beatrice Giansana, docente di lingua Inglese presso la Scuola Secondaria di Primo Grado di Savigliano e la Professoressa Ilona Barbero, docente di lingua inglese presso la Scuola Secondaria di Primo Grado di Marene, entrambe insegnanti dell’Istituto Comprensivo Papa Giovanni XXIII,  insieme a  6 studenti del terzo anno si sono recate in Inghilterra, nell’ambito del progetto Erasmus + KA229 dal titolo “Cultural exchanges_Your world, my world, our world”. Tale progetto prevede l’opportunità per gli alunni selezionati accompagnati da 2 docenti, di soggiornare in uno dei Paesi esteri partner del progetto per una settimana..

Tali mobilità sono finanziate interamente con i fondi Erasmus+.

Gli studenti ed i docenti sono partiti dall’aeroporto di Torino Caselle e si sono diretti a London Luton.

Di lì si sono recati  a Watford, che si trova a 24 km a nord ovest dal centro di Londra,  dove è dislocata la Beechfield School, l’istituto comprensivo nel quale i ragazzi hanno svolto attività didattiche, insieme a 6 studenti tedeschi di Solingen, 6 studenti spagnoli di Siviglia e 2 studentesse della Martinica. .

Gli alunni ed i docenti sono stati accolti il lunedì mattina dalla Dirigente Scolastica, dalla coordinatrice del progetto, Mrs Tanya Mortlock, da alcuni docenti e dagli alunni dell’Istituto, che comprende studenti dai 3 ai 10 11 anni di età.

Si tratta di una scuola multietnica e multiculturale, nella quale soltanto il 50% degli alunni è di nazionalità inglese e che è stata annoverata tra il 3% delle migliori scuole inglesi.

La cosa che ha colpito maggiormente è stato il senso di rispetto e responsabilità da parte di tutti gli alunni, compresi quelli più piccoli. Bastava uno schiocco di mani per riportare il silenzio assoluto all’interno dell’Aula Magna e sulle pareti dell’aula, così come nei corridoi e nelle altre aule, erano appesi molti cartelloni relativi al rispetto delle regole scolastiche.  Gli studenti indossavano la divisa della scuola che consiste in pantaloni per i maschietti, pantaloni o gonna per le femminucce, una maglietta bianca e un cardigan o un pullover blu per tutti riportante lo stemma della scuola.

Le insegnanti non possono indossare i jeans.

Il lunedì ed il venerdì gli studenti dei Paesi partner hanno svolto attività didattiche con gli studenti inglesi all’interno delle varie classi dell’Istituto, venendo a contatto con gli studenti della scuola dell’infanzia (KS1-3) e della scuola primaria (Year 4-6).

Sono stati proiettati dei video relativi agli stati facenti parte del Regno Unito, cioè l’Inghilterra, la Scozia, l’Irlanda del Nord ed il Galles e per ogni stato è stata prevista un’attività consistente nella creazione di un cartellone, di un disegno o di un elaborato scritto.

Con gli studenti più piccoli sono state previste attività di gioco o canzoni.

Gli studenti inglesi svolgono sempre l’intervallo in cortile, anche quando piove e consumano il pranzo nella mensa scolastica.

Pertanto anche i membri dei Paesi partner, docenti e studenti, hanno consumato il pranzo nella mensa della scuola.

Le lezioni si svolgono dalle ore 9 alle ore 15.20.

I libri di testo non vengono utilizzati, se non per poche materie, e gli insegnanti preferiscono utilizzare fotocopie a colori e far svolgere ai ragazzi molte attività manuali. La lingua straniera insegnata è lo spagnolo, ma, dal momento che attualmente nessun insegnante conosce tale lingua straniera, ci si serve di una piattaforma online per l’apprendimento della stessa.

Il venerdì gli studenti si sono ritrovati per lavorare insieme alla presentazione di un blog o di un articolo che riportasse le impressioni relative alla settimana inglese, corredato di immagini e/o brevi video e la Martinica ha presentato un bellissimo video relativo al proprio stato, dal momento che non sarà prevista alcuna mobilità in Martinica per i Paesi partner del progetto.

Il martedì ed il  giovedì i vari gruppi, insieme alla coordinatrice inglese accompagnata da una collega della scuola ed ogni volta da dieci studenti inglesi diversi selezionati all’interno dell’Istituto, si sono recati in treno e poi in metro a Londra dove hanno potuto visitare il British Museum e la Torre di Londra e svolgere attività didattiche richieste dalla scuola inglese. Sono anche saliti sulla London Eye, la ruota panoramica londinese, dalla quale hanno ammirato i monumenti più significativi di Londra.

Le docenti dell’I.C. Papa Giovanni XXIII hanno inoltre accompagnato i propri studenti a visitare la National Gallery, il National History Museum, Westminster Abbey, Westminster Palace, Downing Street, Buckingham Palace, Trafalgar Square con la statua dell’ammiraglio Nelson e Piccadilly Circus, con una puntata all’Hard Rock Cafè, tanto amato dalle giovani generazioni (e non solo).

Il mercoledì è stato trascorso a St Albans per la visita della splendida cattedrale e per svolgere attività didattiche all’interno del museo romano che contiene reperti di epoca romana.

Di sera i vari gruppi hanno per lo più  cenato insieme per permettere ai propri studenti di socializzare e per far sì che i docenti potessero lavorare sulle prossime mobilità che avranno come mete la Germania nel mese di marzo, l’Italia nel mese di ottobre, la Spagna nel mese di marzo 2021 e la Grecia nel mese di maggio 2021.

Per l’ultima sera è stata organizzata un’ottima cena a buffet presso il ristorante “Global Buffet” di Watford, nella quale ognuno ha potuto assaporare piatti provenienti da diversi stati europei ed extraeuropei  ed ha salutato calorosamente i i partner del progetto che il giorno successivo sarebbero ritornati a casa.

Sicuramente per gli studenti Saviglianesi e Marenesi l’esperienza inglese è stata molto coinvolgente ed ha permesso loro di venire a contatto con culture e tradizioni diverse, con un modo a volte diverso di far scuola e di sperimentare con mano quanto è stato appreso nei tre anni trascorsi all’interno della Scuola Secondaria di Primo Grado.

Prossima tappa Solingen!