Ultima modifica: 13 Settembre 2016

Corso di formazione

Sabato 10 settembre c.m., presso la sede universitaria di Savigliano, ha avuto luogo il Convegno “Relazioni positive – Aspetti diagnostici ed intervento per i minori con disturbi del comportamento dirompente”

“Ho sempre pensato che la scuola fosse fatta prima di tutto dagli insegnanti.

 In fondo, chi mi ha salvato dalla scuola se non tre o quattro insegnanti?”

 (Pennac, Diario di Scuola)

Sabato 10 settembre c.m., presso la sede universitaria di Savigliano, ha avuto luogo il Convegno “Relazioni positive – Aspetti diagnostici ed intervento per i minori con disturbi del comportamento dirompente”  rivolto agli insegnanti dell’Istituto Comprensivo “Papa Giovanni  XXIII”di Savigliano  e agli operatori del Servizio di Neuropsichiatria Infantile, partner del progetto.

Gli esperti della Fondazione “Stella Maris” di Pisa, nello specifico le Dott.sse Laura Ruglioni  e Anna Rita Milone, hanno affrontato le problematiche dei disturbi comportamentali sia da un punto di vista clinico che di prevenzione e recupero a livello scolastico.

La “prevenzione primaria”, o “Coping Power”, è una metodologia che mira a favorire i comportamenti pro-sociali sulla classe, attraverso un percorso educativo- didattico attento alla consapevolezza e  alla gestione delle emozioni, all’autostima, alla capacità di risolvere positivamente i conflitti emotivi.

L’Istituto Comprensivo “Papa Giovanni XXIII”, da anni attento allo “Star bene a scuola”, ha avviato in passato della formazione sul Cooperative Learning e sul riconoscimento delle emozioni come prevenzione al bullismo, procede ora con il “Coping Power Program” ed il “Teacher Help” per riuscire ad intervenire in modo costruttivo sui bambini con problematiche legate all’impulsività e al rispetto delle regole.

Tale progetto è stato ideato nel precedente a.s.dalla Dirigente Maniotti, ora trasferitasi a Revello, e  reso possibile grazie alla sensibilità della Gabetti Condominio , che ha  condiviso con la scuola le finalità , sostenuto e finanziato la realizzazione dell’intero programma, ponendosi come unico finanziatore.